La trasparenza salariale: l’importanza di indicare il range retributivo nelle offerte di lavoro 

Nel sondaggio di questa settimana abbiamo chiesto la vostra opinione in merito all’indicazione del range retributivo nelle offerte di lavoro. Il nostro obiettivo era comprendere se le persone siano maggiormente inclini a considerare una nuova opportunità se trovano indicazioni sul budget previsto per la posizione. 

Le aziende hanno spesso timore nell’indicare il possibile range retributivo pensato per il ruolo, tuttavia nella nostra esperienza coloro che scelgono di adottare questa strategia hanno un significativo ritorno in termini di candidature. 

Introdurre la trasparenza salariale negli annunci di lavoro tuttavia non è solo una strategia efficace per attrarre candidati, è una scelta da adottare per molteplici motivi: 

  1. Trasparenza e Fiducia: Pubblicare il range retributivo dimostra trasparenza e onestà da parte dell’azienda, instaurando immediatamente un rapporto di fiducia con i potenziali candidati.
  2. Efficienza nel processo di selezione: Indicare la retribuzione permette di filtrare sin da subito i candidati che valuterebbero le condizioni economiche proposte, ottimizzando il processo di selezione e riducendo i tempi e i costi di recruiting.
  3. Inclusività e diversità: La trasparenza salariale promuove l’inclusività, aiutando a ridurre il divario retributivo di genere e garantendo che tutti i candidati, indipendentemente dal loro background, abbiano le stesse informazioni per prendere una decisione informata.
  4. Motivazione ed impegno: I candidati che conoscono il potenziale salario sin dall’inizio tendono ad essere più motivati e impegnati nel processo di selezione, poiché sanno che le loro aspettative economiche sono allineate con quelle dell’azienda.

Le offerte di lavoro con range retributivo visibile ricevono fino al 30% in più di candidature rispetto a quelle che non lo indicano. Questo dato è significativo perchè dimostra quanto possa essere cruciale la trasparenza salariale per attrarre talenti qualificati.

In ultimo è importante menzionare i cambiamenti che stanno avvenendo e dovranno avvenire, da questo punto di vista, in seguito alla Direttiva UE 2023/970 La direttiva europea sulla trasparenza salariale prevede la garanzia che i datori di lavoro forniscano informazioni chiare e trasparenti, nella prima fase della selezione, sui criteri utilizzati per determinare le retribuzioni. 

Questo cambiamento normativo punta a promuove l’equità salariale di genere, ma anche l’efficienza nel mercato del lavoro europeo.

Cominciare fin da ora ad includere il range retributivo nelle offerte di lavoro è una buona pratica ed un investimento strategico che può fare la differenza nel processo di selezione. 

 

Articoli correlati