Reagire, senza aspettare che la situazione sia esplicitata e palese, è sicuramente la strategia vincente, per uscire tali da una situazione di crisi aziendale.

Cosa fare?
Il primo passo è quello di proporsi, o ri-proporsi, al mondo del lavoro.

Al fine di farlo nella maniera più appropriata è necessario “riflettere” e analizzare determinate situazioni:

  • quali competenze/ esperienze possono fare da ponte verso altri lidi?
  • in quali (altre) funzioni potrebbe esserci spazio?
  • con chi ne parlo? ( col mio H. R. di riferimento, col mio capo, con altri manager)
  • cosa dice il mio CCNL?
  • quali sacrifici e rischi sono disposto a fare o correre?
  • a quale mobilità geografica sono disposto?
  • sono disposto a passi indietro come posizione organizzativa, o ad una attività iniziale più operativa per ricominciare in un’altra area professionale?
  • sono in grado di coniugare la “difesa” del ruolo, l’evidenza delle mie attese (settori) con altre possibilità, opportunità potenziali?
  • so trasmettere, far comprendere le mie caratteristiche professionali, i ruoli di riferimento coniugabili alle mie competenze hard, soft?
  • sono disposto ai rischi accettando progetti/attività nuovi per l’azienda ?

La mossa successiva è sicuramente agire.

  • Pianificare una serie di contatti utili per mantenere-sviluppare interesse attorno al proprio profilo (personal branding)
  • Lavorare sull’arricchimento continuo delle proprie competenze, oltre che sulle capacità richieste dal mercato di oggi. Sapendole riportare su un adeguato CV, presentandoci miratamente, attirando l’attenzione sul proprio profilo, ecc.
  • Aggiornarsi: approfondire un’altra lingua, imparare un nuovo applicativo SW, riprendendo in mano qualche importante testo (auto-formazione);
  • Partecipare a meeting e convegni tecnici, aderendo ad associazioni di professionisti;
  • Aprirsi al social networking, al mondo dei propri conoscenti, proponendoci in altri settori o in altre aree geografiche.

Il consiglio è dunque quello di essere proattivi e non farsi cogliere impreparati.

Il rapporto tra azienda e collaboratore è un rapporto di partnership: scade quando una delle due parti non ritiene più equo lo scambio a suo tempo concordato.

Articoli correlati

L’importanza di definire la propria identità professionale

L’importanza di definire la propria identità professionale

Il concetto di identità professionale costituisce un elemento centrale, nella nostra riflessione intorno allo sviluppo di carriera e nel nostro impegno nel Career Counseling. Questo articolo si propone di esplorare più a fondo i contenuti e le complessità specifiche...

leggi tutto