SOFT SKILLS

Definizioni e contenuti esemplificativi in merito alle SOFT SKILLS

 

L’importante capitolo delle Soft Skills e delle caratteristiche comportamentali

Premesso che le doti di Leadership, le attiudini manageriali sono meglio desumibili grazie ad un confronto diretto nei colloqui.

Vogliamo sintetizzarne alcune, le più riconosciute:

  • Problem Solving: indicami una o più soluzioni complesse, in cui ti sei trovato, e dimmi le soluzioni individuate ed adottate. Con alte capacità di flessibilità, di adattamento e lettura di nuove situazioni, sbrogliando situazioni complesse.
  • Creatività: indicami una o più soluzioni innovative da te proposte e gestite per ottenere una reale differenza sul sistema azienda (organizzativa, tecnica, commerciale)
  • Gestione persone: esempio di una criticità organizzativa Traccia le modalità adottate (nella gestione di più persone) per migliorare la motivazione e la loro valorizzazione
  • Capacità di coordinamento: dammi un esempio che mi trasmetta la tua capacità organizzativa (nel tuo lavoro). Sapendo superare ostacoli, momenti di crisi, inefficienze (cui dare comunque risposte).
  • Intelligenza emotiva e situazionale (entrambe importanti): capacità di riconoscere, utilizzare e comprendere e gestire in modo consapevole le proprie e le altrui emozioni
  • Capacità di giudicare e prendere decisioni: soprattutto nella veste di leader, tracciare un veloce esempio di condivisione, ascolto, oltre che di saper prendere decisioni su come/dove indirizzarsi
  • Negoziazione: attività strategica per creare benessere economico e relazionale, in azienda o come individuo, incidendo sull’economicità delle cose, sulla reputazione e sull’autorevolezza; dimmi di una breve situazione in cui ti sei mosso positivamente e con autorevolezza
  • Flessibilità cognitiva: hai saputo affrontare situazioni non standard, attuare comportamenti diversi, con un cambio di regole e di compiti non previsti?

 

Nell’ambito del Digitale e dell’Automation possiamo individuare altre 10 Top Skills:

  • Alfabetizzazione digitale per interagire, abilitare nuovi sistemi di produzione, tecnologie, applicazioni
  • Capacità di utilizzare e progettare soluzioni con analisi dei dati e AI (sapendone interpretare i risultati)
  • Mentalità imprenditoria, proattiva e capacità di pensare fuori dagli schemi
  • Capacità di lavorare, in sicurezza, con le nuove tecnologie
  • Problem solving creativo
  • Mentalità interculturale per operare ed interagire con forza lavoro diversificata
  • Capacità di gestire l’aumento delle complessità di richieste multiple e di compiti simultanei
  • Efficaci capacità comunicative con umani, IT, Ai, attraverso diverse piattaforme tecnologiche
  • Apertura costante al cambiamento, sapendo affrontare la messa in discussione dello status quo
  • Scontate le skills manageriali a livello, economico bilanci, cost reduction, indicatori di performance, gestione finanziaria e del cash flow, negoziazione a livello internazionale, comunicazione, investimenti, cultural fit a vari paesi esteri (consumatori)

 

E quali le 10 caratteristiche comportamentali Top del Manager?

  • essere un buon coach, dedicando tempo ed energia per istruire gli altri; con cui condividerne le migliori pratiche
  • dare potere alla propria squadra, non eccedendo nel controllo. Sapendo delegare, spingendo alla responsabilizzazione, con controllando “tutto”
  • Essere inclusivo, col proprio team, rendendolo parte degli obiettivi. Sviluppando un ambiente in cui chiunque può porre domande e avanzare nuove idee
  • Mostrare al proprio team come ottenere i risultati. Non basta fissare gli obiettivi ed aspettarsi i risultati
  • Riuscire, sempre, a comunicare, ascoltando, condividendo le informazioni. Non in modalità top-down né unidirezionale. Ascoltare sempre i propri collaboratori
  • Aiutare le persone nel proprio avanzamento di carriera, aiutandole a crescere, discutendo, con loro, le prestazioni
  • Avere una visione strategica e la direzione da seguire, chiara anche per il proprio gruppo
  • Possedere le competenze tecniche adeguate, anche per risultare credibili agli occhi dei propri collaboratori

 

Saper collaborare con tutti i reparti-funzioni aziendali. Importante l’analisi, la strategia, ma necessario risulta il potere decisionale. Ciò che conta, alla fine, è l’azione

 

Commenti, opinioni e consigli sono per noi elementi fondamentali, solo il confronto attivo ci permette di comprendere meglio attese e bisogni.

 

Post a Comment